CERCA UNA RICETTA

Le meringhe alle mandorle

Dolce, leggerissima nuvola che si scioglie in bocca e profuma di zucchero filato, di caramello, di sabato.
Avevo già parlato qui di quanto sia affettivamente legata a queste delizie.
La variante, stavolta, è l’aggiunta di scaglie di mandorla, la cui scricchiolante consistenza contrasta divinamente con quella scioglievole dello zucchero.
E’ pura, confortante, estasi.



Meringhe alle mandorle

Con piccole variazioni, riporto, per comodità, la ricetta già descritta qui.

200 grammi di albumi
200 grammi di zucchero semolato
100 grammi di mandorle a filetti

Tostare leggermente in forno i filetti di mandorle.
Iniziare a montare gli albumi con una frusta elettrica; dopo qualche secondo, quando cominciano a spumeggiare, aggiungere, un cucchiaio alla volta, lo zucchero.
Ora sarà necessario montare tutto molto a lungo, almeno 13-15 minuti, lo so, è stancante e lo sbattitore si surriscalda ma è indispensabile perchè il risultato sia perfetto.
Trascorso questo tempo, aggiungere al composto i filetti di mandorle tostati amalgamando bene con una spatola facendo attenzione a non smontarlo.
Dosare il composto a cucchiaiate irregolari su una teglia ricoperta di carta da forno.

Ora, il determinante capitolo cottura:
tenendo in considerazione che ogni forno è diverso dagli altri e che, quindi, ognuno dovrà verificare se non sia necessario modificare leggermente calore e tempi, le meringhe vanno cotte a lungo a bassissima temperatura, per far sì che si asciughino perfettamente anche all'interno.
Io le inforno per circa 30 minuti a 110 gradi (perchè un "colpo di calore" iniziale un pò più alto permetta loro di mantenere la forma) per poi abbassare la temperatura a 90 gradi e lasciarle cuocere 2 ore e mezza o 3 ore, a seconda di quanto sono grandi.

7 commenti

  1. Bene benissimo direi!! Son Stupende....devo rimettermi a fare le meringhe e vorrei proprio farle alle mandorle!!!

    Mi riferirò alla tua ricetta che mi pare deliziosa!!

    Priscy

    RispondiElimina
  2. Grazie per la fiducia Pri. Fammi sapere eh. xx

    RispondiElimina
  3. quando le fate fate un fischio che faccio da cavia!
    MCP

    RispondiElimina
  4. Tu passa durante la pausa caffè..

    RispondiElimina
  5. E da tanto che cercavo la ricetta... Speriamo mi vengano bene!!ma posso anche infornare due teglie per volta?

    RispondiElimina
  6. Ma certo, l'importante è che circoli aria tra una e l'altra, quindi nessuna delle due teglie dovrebbe essere grande quanto il forno ma dovresti appoggiarle su due teglie poste su due griglie, altrimenti la cottura non sarà uniforme.
    In alternativa, se proprio hai una teglia grande quanto il forno e una più piccola sulla da porre sulla griglia, a metà cottura cambia loro di posizione.
    Spero di essere stata chiara e mi piacerebbe mi facessi sapere come ti saranno venute!

    RispondiElimina
  7. Li ho provati....complimenti avevo provato varie volte e varie ricette ma non mi erano mai venute così buone! Grazie per i consigli di cottura... È il resto... Ho fatto,un figurine Ciao Claudia

    RispondiElimina

Grazie, i vostri commenti sono preziosi. Purtroppo per ragioni di spam non posso accettare commenti anonimi. Vi ricordo che se commentate con un account registrato ACCONSENTITE a pubblicare il link al vostro profilo tra i commenti. Prima di commentare consultate la PRIVACY POLICY per ulteriori informazioni.

Professional Template by pipdig