La torta degli angeli

e una piccola novità


Era da un po' che non mi si vedeva in giro, lo so. Ma chi è solito passare da queste pagine lo sa che io non posto una ricetta al giorno, che non sono assalita dal timore di perdere lettori se non aggiorno costantemente il blog, che per me questo non è un lavoro ma un passatempo.
Stavolta però mi rendo conto di aver fatto passare davvero tanto tempo. Il risultato è che qualcuno ha sguinzagliato i cani addestrati alla ricerca delle persone scomparse sperando di trovare una traccia del mio passaggio su questi sentieri.

Questa ricettina è proprio dedicata a tutti coloro che mi hanno contattata in privato o su facebook chiedendomi di tornare a scrivere. Devo dirvi che sono rimasta stupita, non credevo davvero si sentisse la mia mancanza!

A piccola, parziale giustificazione della mia assenza, vi racconterò di una novità che ho partorito in questi giorni e spero che vi piaccia.

Intanto vi lascio la ricetta di questa deliziosa tortina, semplice ma molto buona ed estremamente scioglievole. L'ho trovata su un volume della collana "La pasticceria" uscita in edicola qualche anno fà insieme a Repubblica e l'ho provata perchè mi è piaciuto tanto il nome.



La torta degli angeli
dal volume "Torte" della collana "La pasticceria" con le mie modifiche

250 grammi di farina 00
200 grammi di zucchero
200 grammi di burro (io ne ho usati180 grammi)
50 grammi di mandorle spellate e macinate finemente
5 tuorli (io ne ho usati 4)
2 uova intere
1 cucchiaino di lievito
1 pizzico di sale
1 pizzico di semi di anice pestati (io non li ho messi e li ho sostituiti con mezza bacca di vaniglia)

Imburrare e infarinare uno stampo di 20 cm di diametro.
Accendere il forno a 180°.
Fondere il burro a fuoco e lasciarlo intiepidire.
Sbattere a lungo le uova, i tuorli e lo zucchero, fino ad ottenere una massa gonfia, chiara e spumosa.
Unire i semi di anice (se si usano) e versare a filo il burro senza smettere di battere con le fruste fino a quando sarà ben amalgamato.
Aggiungere le mandorle macinate ed, infine, incorporare a mano, con una spatola, la farina setacciata con il lievito e un pizzico di sale.
Versare nello stampo e infornare per circa 40 minuti (come sempre, controllare dopo 30 minuti perchè ogni forno è una storia a sé).
Spolverare con abbondante zucchero a velo e servire con una buona tazza di té.




E adesso vi racconto della novità di cui vi parlavo.

Ma prima una piccola premessa. La cucina, per me, è un modo per esprimere l'urgenza di creare che altrimenti strariperebbe dalla mia testa. Ma non è l'unico.
Qualcuno avrà già dato un'occhiata, ad esempio, alla sezione che ho dedicato ad alcuni dei miei scarabocchi . Ecco, quello è un altro modo.
Ma anche quello non è sufficiente. Di idee e di interessi se ne sono sempre affollati troppi nella mia testolina e ad ognuno, nella mia vita, ho dedicato un po' di tempo e un po' di me.
Nei momenti di relax, a seconda dello stato d'animo, ricamo, taglio, invento, dipingo, vernicio, restauro, cucio, decoro.
Mi piace occuparmi della casa e della tavola e cambiar loro d'abito ispirandomi ora alle atmosfere luminose dei paesi del nord, ora a quelle shabby della campagna francese, ora a quelle country d'oltreoceano.
Ecco, tutto questo fa parte di me tanto quanto la cucina e tutto questo ho pensato di raccogliere in un nuovo spazio creativo dove da oggi mi piacerebbe veniste a farmi visita.
Vi apro la porta, prego accomodatevi

 


4 Commenti:

Anisja ha detto...

Che delizia!!! bellissima presentazione!!!

ziapolly ha detto...

Concordo in pieno con quanto hai scritto all'inizio di questo post. Avere un blog è un modo di raccontarsi, condividere, un pò come fare una telefonata ad una carissima amica, che non riusciamo a vedere spesso, ma che sappiamo esserci. Mi segno subito la ricetta, le mandorle poi le adoro e fanno un sacco bene. Non metterò nemmeno io l'anice, mio marito è allergico e opterò come hai scelto tu con la vanillina. Vado a vedere il tuo nuovo blog che so già mi piacerà, visto che molte sono le cose che abbiamo in comune! Un abbraccio e ben ritrovata. Paola

Ely ha detto...

E io varco volentieri la soglia del tuo nuovo spazio, tesoro. <3 Complimenti per questa torta e sono felice che tu sia tornata.. del resto vado e vengo anche io e credo proprio che stia per prospettarsi un altro periodo di assenza.. Un abbraccio forte, adoro gli angeli!

Debora ha detto...

Buonasera Marina, ho appena scoperto, per caso, il Suo blog e da subito l'ho adorato. Ho visto, purtroppo, che scrive poco, ma le ricette sono magnifiche! Capita spesso di trovare qua e là qualche ricetta in un sito, ma nel Suo sito mi piacciono tutte, tutte incontrano il mio gusto, condivido anche le piccole annotazioni/correzioni sulle dosi degli ingredienti. La seguirò sicuramente (anche nella nuova avventura) e spero di rileggerLa presto.
P.s. Magari quando proverò qualche ricetta, scriverò dei miei risultati

Posta un commento