Gnocchi di patate allo speck profumati di lavanda

Ebbene no, non escono solo dolci dalla mia cucina.
E’ vero che con quelli ho iniziato ad avvicinarmi a pentole e fornelli, è vero che ancora oggi sono la mia vera (pura) passione, ma è anche vero che la cucina la amo a tutto tondo e che spesso, proprio dalle sperimentazioni salate traggo le migliori soddisfazioni, proprio perché i miei commensali apprezzano molto di più un piatto di pasta che un muffin.

Ecco che allora, preso atto che questo mio de victu scriberet, per rappresentarmi, deve assomigliare quanto più possibile alla mia cucina reale, ho deciso che sia arrivato il momento di allargare gli orizzonti e di raccontare un po’ in qual guisa sfamo quotidianamente la truppa.

Orbene, ieri l’ispirazione è arrivata davanti a un pacchetto di gnocchi d’Annunziani La Mugnaia di Elice, decisamente gli gnocchi di patate più leggeri e digeribili che abbia mai assaggiato.
Il mazzo di lavanda che profuma di estate la mia cucina ha perfezionato l’idea regalando al piatto una gradevolezza inaspettata.




      Gnocchi di patate allo speck profumati di lavanda
  • Una confezione di Gnocchi di patate d’Annunziani  La Mugnaia di Elice
  • 100 grammi di speck a fette sottili
  • 200 grammi di panna da cucina
  • 1 piccola cipolla
  • 2 cucchiai d’olio extravergine di oliva
  • Vino bianco
  • Sale
  • Pepe
  • Rametti di lavanda freschi
  1. Tritare finemente la cipolla e soffriggerla dolcemente nell’olio d’oliva.
  2. Una volta appassita, aggiungere lo speck tagliato a coriandoli e lasciarlo ammorbidire un paio di minuti a fuoco dolce.
  3. Sfumare con vino bianco e lasciar evaporare.
  4. Aggiungere la panna, mescolare e lasciarla leggermente riscaldare. Salare leggermente e pepare.
  5. Spegnere il fuoco e coprire con un coperchio.
  6. Nel frattempo cuocere in acqua gli gnocchi al dente, scolarli conservando un po’ di acqua di cottura che andrà aggiunta al condimento.
  7. Un attimo prima di mettere gli gnocchi in padella, aggiungere i fiori freschi di un rametto di lavanda e allungare con l’acqua di cottura.
  8. Spadellare gli gnocchi fino a che siano ben avvolti dal condimento.
  9. Impiattare e distribuire qualche altro fiore fresco di lavanda sulla superficie.
  10. A piacere decorare con un rametto.
-----------------------------------------------------------------

Appunti

E' importante usare lavanda nel pieno della fioritura, in modo che i fiori siano freschi, di un bel colore chiaro. I fiori essiccati (raccolti da qualche giorno o anche già disidratati sulle piante) conferirebbero al piatto un aroma troppo intenso che potrebbe risultare sgradito. In questo modo, invece, la delicatezza del profumo sarà una vera sorpresa.

Condividi