Petite orange glacé

Quando una torta è così buona, ma così buona che non trovi le parole per raccontarla, come la torta glassata al limone di Betti, di Coquinaria; quando, dicevo, descriverla con aggettivi come, semplice, scioglievole, delicata, perfetta per ogni occasione, non basta a rendere l'idea del piacere che dà il suo eccellente equilibrio tra morbidezza e croccantezza; quando l'hai fatta così tante volte che la reciti a memoria, cominci a chiederti se sia possibile replicarne la perfezione del sapore, cambiandone.. il profumo.
Così un sacchetto di splendide arance di Sicilia hanno sostituito i limoni della ricetta.
Nient'altro che questa rispettosa, piccola ma sostanziale modifica.
E, già che c'ero, per cambiarle d'abito, l'ho porzionata e le ho inventato un nome nuovo.
Ma la sostanza non cambia, è la torta di Betti.



Petit orange glacé
(Tra parentesi la versione originale della torta)

250 g. di burro morbido
250 g di zucchero
La buccia grattugiata di 3 arance più il succo di mezza arancia (la buccia grattugiata di 3 bei limoni più il succo di mezzo limone)

3 uova
250 g di farina
1/2 bustina di lievito per dolci

Per lo sciroppo
30 g. circa di zucchero a velo (60-70 grammi circa di zucchero a velo)Il succo di due arance e mezza (il succo di due limoni e mezzo)

Per la glassa
150 grammi di zucchero a velo
Succo di arancia quanto basta (il succo di mezzo limone)

Montare a lungo il burro e aggiungere, a poco a poco, lo zucchero .
Aggiungere un uovo alla volta, unire la scorza grattugiata delle tre arance ed il succo di mezza arancia.
Poco alla volta aggiungere le farina precedentemente setacciata col lievito.
Imburrare ed infarinare una tortiera di 24 cm di diametro e versare l'impasto.
Cuocere a 180° per 40-45 minuti, avendo l'accortezza, passata la prima mezz'ora, di coprire la superficie con un foglio di carta stagnola.

Nel frattempo preparare uno sciroppo facendo bollire per qualche minuto il succo dei 2 arance e mezza e circa 30 g di zucchero a velo (anche meno, se le arance sono molto dolci, a differenza della versine al limone che, invece, potrebbe richiedere più zucchero della dose prevista).

Quando la torta sarà cotta, toglierla dallo stampo e lasciarla intiepidire un pò.

Con una siringa da farmacia senza ago, aspirare lo sciroppo e fare tante punture nella torta. I buchi non sono un problema, perchè successivamente la torta andrà capovolta.

Preparare la glassa con lo zucchero a velo e un pò di succo di arancia, quanto basta per ottenere una consistenza spalmabile ma non troppo liquida!

Quando la torta è ben fredda, capovolgerla (in modo da avere i buchi sotto e il fondo della torta, che è più liscio, sopra), spostarla su una griglia e glassare perfettamente la superficie.

Lasciar indurire la glassa a temperatura ambiente.
L'ideale sarebbe lasciarla riposare una notte.

Eventualmente, come ho fatto in questa versione, tagliare la torta a cubetti e posizionarli nei pirottini.

5 Commenti:

cinzietta ha detto...

ma tu guarda...petite orange glacé..che nome carino, sciccoso, e appetitoso.
ciao bella!

Marina ha detto...

Ciao cara, sai che pensavo proprio a te mentre spremevo le arance per fare la bettitorte? Chissà come sono buone lì. Bacio

*_Priscilla_* ha detto...

Ahhhh che meraviglia! Semplice delicata e sublime!

Giusi ha detto...

Ciao Marina sei mito ;))) .... ma che bello questo !!!!! un Bacione grande Giusy e Mile

LCc 03 ha detto...

nike roshe run one
tiffany and co uk
basketball shoes
timberland shoes
air max thea
cheap jordans
nike air zoom
skechers go walk 3
toms outlet store
air yeezy

Posta un commento

Condividi